giovedì 13 febbraio 2014

Tema : Stidduzza mia


Sez Mi sono innamorato di te perché
Svolgimento

Stidduzza mia,
ma che facisti? Ma che cumminasti?
Mi scrivisti che mi vò lassari! Mi veni i chianciri solu a ‘stu pinzieru.
Com’è che ti vinni ‘ntiesta sta pinzata? Ma chi t’aiu fattu?
Quann’è che ‘u liggivi, mi si grapiù un pirtusu ‘mmezzu de lu pettu.
Mi misi a chianciri lacrime amare. Ma non comu chidde che tante volte ‘nzemmula amu chianciuto, di gioia e di duluri, ne lu mentre che ci strincievamu abbrazzati.
E quantu ‘nnamu viste ‘na tutti ’sti anni! Ma sempre io cu ttia e tu cu mmia, stritti stritti, vucca cu’ vucca, ciatu cu’ ciatu, manuzza e manuzza; a dirici parole che ci paria solu i picciuttedi che s’ingrizzano pà prima vota si ponnu dire.
Quante stidde amu cuntatu ‘a notte appizzate na lu cielu! E io ‘na stidda ‘a chiamavu cu to’ nnome, e tu na’ stidda ‘a chiamavi cu’ nome miu.



E quantu friscu nnamu pigghiatu e quanti dulura!
Tu mu’ dicia sempre: “Totuccio, unnè cosa: Un semu chiù picciotti. A sira si iecca l’umido, e un putiemo stari accussì, assittati ‘nne panchine o ‘ncapu a sabbia vagnata. U’ sacciu pure io: Munnieddu è propriu bedda e ‘ste siratine so’ megghiu assai da’ televisione; ma dumani matina un ti po’ susiri e ‘un ti pò mettiri a’ gritta; agghiorni tuttu aggranchiatu e io t’è sientire a lamintariti pì jurnate sane!”
Saruzza mia, tu raggiune avia: oramai su’ fattu viecchio e a momenti un’ mi pozzu cchiù catamiari; ma unn’è giustu però ca nall’ultimi tempi tu mi sfuttia sempri, e mi dicia ch’era addiventatu tuttu siccu, sciancatu, immurutu e sganguliatu.
E quanno di pomeriggio ni facevamu a passiatina ‘nno corso principale, un c’era vota che un mi rinfacciavi: “Arrieri ‘e picciuttedde in minigonna ti talii? A ttia stannu pensannu ! Aqquietati; tu a chidde un’ ci pò’ curriri appriessu mancu cu’ l’occhi !”
“E che male c’è a taliari? – t’arrispunnia - Almeno m’ arifazzu a' vista. Ma tu ca parri, ti viristi ‘o specchio accomu t’arriducisti? Si' tutta panza, minne caruti e culu grosso quant’a ‘na casa!”
Certo ca ‘u tempu passò e oramai unn’era cchiù come ‘na vota. ‘A casa addiventò vacanti e no’avutri, pi passarici i iurnati, n’appimo a ‘nvintarici ‘na qualche cosa.
Io, nna vecchiaia, m’insignai u’ computer, accussì mi putia sentiri n' anticchia giovane, e tu ti mittisti a sferruzzari magghiuni ca’ un si pò mettere nuddu, cucinari piattuni chini chini ‘i grasso e uogghio fituso che m’inchiummavano e m’intussicavano bbuono bbuono e t’insignasti a fare di’ bedde torte, che u’ sacciu solu io quanto mi ficiro acchianare u’ zucchero e dì cabbasisi i’ trigliceridi!
Finiu pure che da li vasati di ‘na vota, arrivammo ‘e sciarre d’ogni gghiuorno. E tante furono i vasate, tante addiventarono i sciarre. Sino a quanno ‘na matina (un mu puozzu scurdare), ti susisti e mi dicisti: “Io, mi ni torno ‘nni me’ matri!”
“Ma unni…e’ Rotoli? To’ matri avi vint’anni ca’ muriu!”
Ma u dicisti e u facisti; mi lassasti cà, solo com’un fissa, e t’innisti ‘nna casa vacanti di quann’eri picciuttedda schietta.
Ora, sparte, unn’u sacciu com’è ca’ ti vinne ‘sta pinzata, mi turnasti pure tutti i gioielli d’oro e d’argento ca’ ti fici quann’eramo ziti e pure maritati, e mi scrivisti che t’è mannare subito n’arrieri tutti i riali ca mi facisti e pure tutti ‘i fotografie, unne ci si tu o unne ca’ semo ‘nzemmula.
A parte u’ fattu ca’ tu un’m’arrialasti mai niiiiente…, i fotografie i misi tutte pare pare nno’ computer e sunno pure su Facebook e Youtube; accussì cu’ unnu vole sapire unn’u sape tuttu chiddo camu fattu ’nzemmula.
Ma , alla fine, mi futtisti… mi lassasti n’anticchia prima che ti lassassi io! Pi cchistu mi vinni i’ chianciri quann’è cu’ liggivi.
Però,…pinzannuci bbuono: unn’ama gghire io e tia, oramai !? Un facemu futtiri i ridere a spartirici a ottant’anni?
Un fussi megghiu che t’arricampi e Veni cà’? A passare un poch’i cannavazzu ‘na ‘sta casa che sta fitiennu, china china i’ provulazzu, e macari mi cucini n’a poco ‘i caponta bella chiummusa e china d’ogghiu, come a sa’ fari tu, na para di chila di pasta chi sarde e pure i vruocculi arriminati, na’ poco i gaddozzi di sazizza e, chi sacciu… quattro belli sarde a beccaficu. Accussì, macari,pozzu moriri saziu, ca’ panza bedda china!

                                                     Totuccio tuo, che ti vole sempre bbene.          

Sabino Russo

17 commenti:

  1. Sabino, questo pezzo è bello, bello, bello, e commovente pure, enorme lo spessore dei sentimenti che traspaiono. Il ritorno alla madre è la parte che più mi ha scosso.
    Grandi sentimenti raccontati in modo leggero.
    Questo è un Sabino da realismo magico.
    Giorgio D'Amato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giorgio. Sono d'accordo con te perchè mi conviene e sono sfacciatamente di parte.
      Attendo i giudizi imparziali degli altri. Accetto di tutto, anche critiche severissime, esclusa la violenza fisica. :)
      Sabino

      Elimina
    2. c'ho provato, ma il mio siciliano è pessimo :) non credo d'aver afferrato proprio tutto nella nebbia patavina
      piacere comunque d'averti tra noi...
      Gianluca Meis

      Elimina
    3. Grazie Gianluca. Spero che Giorgio sia disposto a darti lezioni di vernacolo siculo. Gratis, naturalmente... :)
      Sabino

      Elimina
  2. bello bello bello! un siciliano mancu tantu 'ncudduriato che rende godibile il racconto (per noi siciliani ovviamente). La storia rende bene anche nel finale. Bravo Sabino. Jole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jole. Capisco che tra siculi ci si capisce meglio e mi duole comprendere che forse tradotto a piè pari in lingua italiana non sarebbe più la stessa cosa.
      Prometto che la prossima volta mi farò capire da tutti. :)
      Sabino

      Elimina
  3. Nelle due parole di apertura: "stidduzza mia" c'è il mondo, il nostro, non me ne vogliano i non siciliani. Ricorriamo spesso a queste iperbole quando vogliamo descrivere l'immensità del nostro sentimento. Quanto mi vuoi bene? Quanto il mare mi diceva mia nonna perchè per lei era la cosa più grande che conoscesse e poi aggiungeva anche quanto il cielo. Stidduzza è lo splendore, la luce che illumina e distoglie da ogni altra cosa. Bravo Sabino. Mi fermo alle prime due parole, mi è piaciuto questo amore ai tempi dei social network però che guarda il mare da una panchina di Mondello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adele ! "Stidduzza mia "! Non ti conosco ma non ho altro modo per ringraziarti. Quello che hai scritto a commento delle sole due parole iniziali ha proprio colto nel segno. Va dritto al cuore di noi siciliani .E noi col cuore pensiamo !
      Però debbo confidarti un segreto (non dirlo a nessuno). Io sono pugliese di nascita e solo siciliano d'adozione. :)
      Sabino

      Elimina
  4. Sono in sollucchero per questo pezzo così pieno di umanità, che rimanda a un amore d'altri tempi fatto anche di piccole cose. Se non oso troppo, spezzo una lancia in favore di chi non riuscirà a capirne a fondo tutti i passaggi, forse servirebbe un mini glossario. (emoticon vernacoliere)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Raimondo. Qui l'amore d'altri tempi s'innesca con il mondo d'oggi. E' una fatica che gli anziani debbono sopportare per reggere ai cambiamenti troppo veloci a cui le nuove generazioni li hanno sottoposti.
      In merito al glossario, invito tutti a fare domande sui termini usati e riceveranno da me, e forse non solo da me (in questo blog i siculi sono una tribù), spiegazioni semplici ma esaurienti.
      (emoticon con coppola storta)
      Sabino

      Elimina
  5. Grande Sabino!
    Bravissimo!
    Meno male che ho un cuore di pietra,
    altrimenti mi sarei commosso fino alle lacrime!
    ;-)
    Forse per i non siciliani potresti provare a mettere una traduzione,
    magari dei termini più "oscuri",
    ma temo per loro che non sia la stessa cosa dell'originale!
    Veramente sapuritu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Pippo. Ma per evitare le lacrime ho cercato di diluirle col sorriso.
      Ho già risposto per quanto riguarda la traducibilità e vedo che anche tu ti sei dato una risposta da solo; una risposta che condivido.
      Purtroppo o per fortuna il cuore il più delle volte parla la lingua delle sue radici. :)
      Sabino

      Elimina
  6. Si è bella questa storia tutta sicula. Infatti non è solo la lingua ma l'anima siciliana che trasuda. Nei sentimenti, nei termini, nei cibi, nelle sciarre e nelle prese di posizione. Siamo proprio qui. Non è così difficile, ma fanne una versione italianizzata. Perchè sia godibile a chi legge solo italiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per gli apprezzamenti. Ma, come tu dici, è una storia tutta sicula. Affido a qualcun altro la possibilità di trarne una versione italianizzata. A me sembrerebbe di tradire l'anima del testo. Manderò al più presto qualcosa in italiano, come ho già fatto in passato. I precedenti puoi trovarli cliccando sul tag col mio nome, se vuoi. :)
      Sabino

      Elimina
  7. ho letto il tema senza sapere che tu fossi l'autore. Complimenti molto bella, la banca non è riuscita a rovinarti......
    Un abbraccio
    Oronzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere ritrovarti tra i commentatori. Anche per i complimenti, ovviamente.
      La banca era un posto di lavoro. Lì il dovere, qui , ma anche altrove, la passione. :)
      Sabino

      Elimina