martedì 29 gennaio 2013

Tema: Le caviglie dentro

sez. Your Fetish
Svolgimento

Le caviglie dentro l’incavo delle mie ginocchia. La sua pelle scorreva senza attrito tra le mie mani. Un rituale che si ripeteva più e più volte durante la giornata. Adesso quello che si ripete  è un “Requiem aeternam dona eis”.  Poi lei che si gira e si mette a dormire. Non ci pensare, sarà per un’altra volta. Buonanotte.
Che qualcosa non andava dovetti ammetterlo quasi subito.
Cominciai a prendere per corrispondenza (anonimato garantito) creme al peperoncino e manuali illustrati. Poi ancora corde, maschere, abbigliamento in latex, fruste e tacchi a spillo. Li sceglievo accuratamente nella sezione apposita del catalogo. Risultato assicurato.
Ma legato a quel modo proprio mi sentivo un salame, e si sa l’autoconvinzione ha un ruolo preponderante in queste faccende. Tanto più che lei, lasciandosi prendere la mano, ancheggiò forse un po’ troppo sui tacchi a spillo. Fu così che se ne spezzò uno e lei cadde rovinosamente da quell’altezza vertiginosa. Uno STRAAP lasciò presagire lo squarcio nella parte posteriore dei pantaloni neri lucidi in similpelle.  E, come se non bastasse, nella caduta un riflesso incondizionato la portò ad aggrapparsi alla corda tesa intorno al mio collo che lei teneva in una mano, mentre con l’altra agitava la frusta di qua e di là. Quasi non finii strangolato. Esperimento da cestinare.

Abbandonata l’idea non mi restava che un’ultima possibilità.
Qualche mattina dopo mi svegliai di buon’ora per essere più pimpante, pensai.
Bussai alla porta. Un “avanti” venne dall’altra parte. Lo sapevo…una donna.
Aprii e mi diressi alla scrivania. Si accomodi, mi disse indicando la sedia.
Poco meno di trent’anni. Un velo di trucco e degli occhiali in celluloide le davano un aria semplice e trasgressiva. Una matita a fermare ricci rossi che cadevano sfiorando lo stetoscopio che le cingeva il collo. Sotto il camice una camicetta eterea di seta lasciava poco all’immaginazione.
Tirai fuori i fogli delle analisi e li poggiai sul tavolo.
La dottoressa li prese. Tirò un po’ giù gli occhiali, si sistemò una ciocca di capelli dietro l’orecchio e cominciò a leggerli. Nella stanza solo il ticchettio delle sue unghie laccate che picchiettavano sulla scrivania.
Forse tutte quelle immagini, quegli scenari delle riviste che avevo sfogliato nei giorni precedenti, ma questa trama io la conoscevo.
Va bene, sospirò ad un certo punto. Può prepararsi dietro il paravento- diceva mentre calzava dei guanti in lattice.
Continuavo a guardarla.
La mia mente vagheggiante, l'odore di nylon delle calze, le mani smaniose. E le dita curiose tra le maglie.
L’idea che fosse lei a dominare, che fosse una vera esperta sull’argomento mi stuzzicava. Sentivo che qualcosa stava cambiando.
Mi sdraiai sul lettino e la visita cominciò. Si chinò per valutare meglio la situazione. Le sue mani erano calde.
Mi scusi - sussurrai. Lei rise sorniona.

Michele Reale

17 commenti:

  1. Ahahahah, in questo pezzo c'è tutto, con accumuli finali che enfatizzano le sensazioni del protagonista e ti trascinano (inesorabilmente, ahime!)alla conclusione. Certo, la situazione è veramente tanto tanto tanto imbarazzante
    (emoticon spero di non trovarmi mai in una situazione del genere)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Fede!
      (emoticon dai tempo al tempo)

      Elimina
    2. (emoticon seiunbastardoperò, eh?)

      Elimina
  2. Ci sono "morti apparenti" che aspettano solo di essere svegliati...ahahah
    magari con un bacio, quello dell'Addormentata nel bosco!
    E bravo Michele...-:))

    Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nina, sei un tesoro.
      Mi rendo conto che non vi aspettavate un pezzo in questa sezione, ma a me piace stupire!

      Elimina
  3. A leggere questa storia perversa che sfiora il suicidio involontario, chi non vorrebbe trovarsi nei panni del protagonista, per ritornare bambino e giocare un po' al dottore e l'ammalato?
    (emoticon, ma la finite con questi emoticon?)

    RispondiElimina
  4. C A R I N I S S I M O !!!
    Delicato, gentile, educato, eppure sensuale al punto giusto.
    Bravo Michele per me è un SI l'accendiamo ..anzi lo "alziamo" !!

    RispondiElimina
  5. Molto carino, la smania moderna del famolo strano che ha i suoi risultati stile Verdone.

    RispondiElimina
  6. Bello questo post! Sottile, sensuale e divertente. Funsiona molto anche in lettura e mi piace tanto tanto. Ma spero vivamente per te che l'ospedale non sia un luogo di ispirazione per brani fetish! O_o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. matri! come si cancella?! aahahahh naturalemnte è funZiona! ahahha

      Elimina
    2. E che alunna ha la maestra!

      Elimina
    3. ah ah ah! La tua simpatia merita un voto : ZERO!

      Elimina
    4. MR e AG, continuate e vi metto a forza dietro la lavagna (è una di quelle appese al muro!) così fate compagnia a Roberto Testa e Asdrubale...azz! Abbiamo dimenticato Roberto dietro la lavagna!

      Elimina
    5. Maestra, ha cominciato lui! Mi prende in giro solo perché sono più piccola!
      (emoticon nonègiusto)

      Elimina
  7. Michele!!!
    Azz...mi ha fatto ridere ma anche pensare e non è mai volgare...anche se...ehi ehi ehi...

    RispondiElimina
  8. E io sono contento che MR faccia parte del TCDM lab.
    GD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così arrossisco...!

      Elimina